AEC x Il Quarto Stato

IL QUARTO STATO SOTTO LO SCANNER AEC PRIMA DI PARTIRE PER FIRENZE

Un grande capolavoro, una movimentazione complicata: il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo si sposta a Firenze. AerariumChain supporta la redazione di un condition report più accurato e oggettivo.

Sotto l’attento sguardo dei lavoratori che sono diventati simbolo della lotta proletaria milanese nel ‘900, gli Artmen di AerariumChain scansionano Il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo prima che sia spostato dal Museo del Novecento di Milano. Un’opera lunga 6 metri per 3 di altezza, posizionata in un luogo privilegiato del museo, ma con una sola uscita: una piccola porta che rende il lavoro più complicato di quanto dovrebbe.

Una movimentazione complessa, prima di partire per Firenze dove resterà per due mesi. In queste circostanze diventa necessaria la redazione di un condition report estremamente accurato, in grado di attestare il reale stato di conservazione dell’opera prima e dopo la trasferta.

Gli Artmen entrano in azione dopo il lavoro di revisione e manutenzione ordinaria dei restauratori. Una scansione precisa ed accurata di tutta la tela e del suo retro fa emergere l’impronta digitale dell’opera in 3D: da qui sarà possibile acquisire tutti i dettagli, anche quelli non visibili ad occhio nudo, fotografando in maniera oggettiva lo stato di conservazione del dipinto. Una volta realizzato questo controllo, è possibile iniziare la movimentazione, particolarmente complessa a causa delle misure dell’opera e della via d’uscita: una porta laterale sospesa nel vuoto.

Il Quarto Stato tornerà a casa a luglio e gli Artmen saranno pronti a realizzare una nuova scansione. Sarà il confronto tra i due 3D realizzati prima e dopo la trasferta che permetterà di escludere o evidenziare eventuali difformità.

Un quadro manifesto che racconta una storia e segna una nuova fase pittorica italiana deve essere conservato scrupolosamente: per questo c’è l’arte di AerariumChain.