Maurizio riceve il premio di Innovamusei

Werea: aperto round di fundraising

Il 22 luglio scorso si è tenuto il Match-making Day promosso da Innovamusei*: per noi è stato un giorno di grandi emozioni.
L’evento ha rappresentato infatti il culmine di un percorso di accompagnamento e rafforzamento imprenditoriale, finalizzato a generare reciproche opportunità di sviluppo tra le 15 ICC finaliste (tra le 121 pervenute) alla Call Get It e una platea di 60 musei lombardi aderenti all’iniziativa.

In questo contesto, Fondazione Social Venture Giordano Dell’Amore – braccio strategico e operativo di Fondazione Cariplo nell’ambito dell’impact investing – ha investito 200.000€ complessivi in 3 iniziative imprenditoriali: oltre alla nostra Werea s.r.l. (70.000€), a RNB4CULTURE s.r.l. (70.000€) e Alchemilla Cooperativa Sociale (60.000€).

Maurizio Rea, co-founder di AerariumChain, ha presentato il progetto e si dice molto soddisfatto del percorso seguito finora: “Durante questi mesi abbiamo lavorato sodo e giorno dopo giorno abbiamo visto il progetto crescere così come l’interesse da parte di musei, istituzioni e investitori. E il riconoscimento da parte della Fondazione Social Venture Giorgano dell’Amore è un’ulteriore conferma.”

Maurizio_Rea_pitch
Loading image... Loading image...

Werea è la PMI innovativa che ha ideato e sviluppato AerariumChain, servizio cloud (SaaS) e soluzione per preservare la vita dei beni artistici e culturali. Per farlo, AeC lavora su tre attività in contemporanea: supporto alla conservazione del patrimonio – grazie a un vincente connubio di tecnologie tra cui scansione 3D, blockchain, intelligenza artificiale; sviluppo di soluzioni innovative per la fruibilità; raccolta fondi per la gestione del patrimonio e delle strutture museali.

Durante l’evento, AeC si è distinta infatti per il suo progetto altamente industrializzabile per il monitoraggio su larga scala e dei beni artistici e culturali basato sull’utilizzo di tecnologie evolute quali la scansione 3D, la blockchain e l’Intelligenza artificiale. Il sistema è sicuro, affidabile e sta permettendo di definire nuovi standard nel settore del monitoraggio e l’identificazione univoca delle opere, costituendo inoltre una solida base tecnologica e procedurale per la valorizzazione dei beni sul mercato degli NFT: un punto di riferimento su cui oggi musei ed altre istituzioni culturali possono appoggiarsi per la conservazione (CARE), lo sviluppo di nuove soluzioni per la fruizione (SHOW) e la valorizzazione del proprio patrimonio (FUND).

Ad oggi, AerariumChain sta raccogliendo sempre più manifestazioni di interesse, ed ha avviato un nuovo round di fundraising affinché il progetto possa espandersi rapidamente, così da generare nuovo valore e contribuire alla crescita e all’innovazione delle istituzioni museali di tutto il mondo.

Banner fundraising

Tra le attività e i riconoscimenti di AerariumChain si contano: la vittoria al contest IdeeVincenti organizzato da Lottomatica insieme al Polihub nel 2018; interessanti conferenze e pitch, tra cui l’International Conference on Science and Engineering in Arts, Heritage and Archaeology (SEAHA) dell’Università di Oxford nel 2019 e numerose selezioni: risulta tra le prime 30 di 200 startup al concorso JUMPSTARTER Global Pitch Competition 2019 organizzato da Alibaba Entrepreneurs Fund e HSBC a Londra; alla conferenza Florence Heri-tech del 2020 e alla call europea B-Hub, accelerazione in Innova nel 2021.

AerariumChain collabora infine con il Museo Egizio di Torino, oltre ad aver raccolto grant e manifestazioni di interesse da Amazon AWS, Hmd Nokia, Studio legale Orrick, Museo Archeologico di Milano, Museo delle Navi Antiche di Pisa, Museo Archeologico della Val Tidone, Museo Valtellinese, 3d Flow, Politecnico di Milano, Aon.

* Innovamusei nasce dalla collaborazione tra Regione Lombardia, Fondazione Cariplo, Unioncamere Lombardia, con il supporto di Cariplo Factory e Fondazione Social Venture Giordano dell’Amore, per incentivare l’innovazione in campo museale, sostenendo le istituzioni culturali territoriali e le imprese culturali e creative (ICC) in un percorso di crescita e sviluppo, anche dal punto di vista della trasformazione digitale.